Archivio giornaliero gennaio 8, 2018

ALLARME PER USCITE DI SICUREZZA

Serrature motorizzate :

Allarme per uscite di sicurezza ALLARME AUTO-GESTITO “ALARM SYSTEM”
Spesso ci si trova di fronte alla necessita di rispettare la normativa che impone l’accessibilità delle uscite di sicurezza con la necessita di preservare la sicurezza dei locali da ingressi e uscite indesiderati, queste infatti sono spesso prese di mira come ingressi o vie di fuga privilegiati dai ladri vista la particolare facilità di effrazione dall’esterno e la possibilita di apertura dal’interno con la sola pressione del maniglione.
Per ovviare a questi problemi esiste una centrale di allarme apposita autogestita molto versatile dal costo contenuto adatta per locali con poche uscite di sicurezza o distanti fra loro permette infatti il funzionamento senza essere in rete.

ALLARME AUTO-GESTITO “ALARM SYSTEM”
Sistema di allarme per il controllo di apertura delle uscite di emergenza dotate
di sola serratura meccanica o di maniglione.
Contenitore a parete in ABS beige
Dimensioni: mm. 240 x 150 x 48
Alimentazione scheda: 12 Vac/dc
Circuito carica batteria in tampone incorporato
Segnalazione di allarme tramite lampada e buzzer ad intermittenza
Impiego: sistema di allarme per uscita di sicurezza
Temporizzazioni regolabili per:
Intervallo di allarme prima dell’autoreset (regolabile da 5 a 60 sec.) .
Spegnimento dell’allarme da reset con tempo fisso di 5 sec.
Allarme di apertura prolungata dell’anta regolabile da 5 a 120 sec.
Ingressi con contatto N.A. per:
– Apertura immediata autorizzata (senza allarme)
– Sensore di anta
– Reset
Uscite con contatto N.A. a relè per:
– Allarme di apertura non autorizzata
– Allarme apertura prolungata dell’anta
– Attivazione del sistema
Descrizione di funzionamento:
la centrale permette di sorvegliare i passaggi eseguiti attraverso le uscite di
sicurezza.
Il personale autorizzato al passaggio, attivando un contatto pulito tramite
badge o tastiera o interruttore a chiave ecc… può aprire la porta senza
attivare l’allarme. Se la porta viene richiusa entro il tempo impostato, non
si attiva alcun allarme. Nel caso in cui la porta dovesse restare aperta oltre
il tempo di intervento di “Apertura Prolungata” dell’anta, si attiva l’allarme
specifico, che si disattiva automaticamente alla richiusura dell’anta o
premendo il pulsante di reset.
Contrariamente, se la porta viene aperta senza autorizzazione, si attiva
immediatamente l’allarme “Apertura” che resta attivato per l’intervallo di
allarme impostato, dopo di che viene eseguito automaticamente un auto-reset
che disattiva l’allarme per 5 sec. A questo punto se la porta è stata richiusa
il sistema torna in stand-by. Al contrario se la porta resta aperta si riattiva lo
stato di allarme. Il reset può inoltre essere eseguito da pulsante remoto.

Chiedi informazioni
seguici su facebook

LEGENDA

PIU SICUREZZA PER LA TUA CASA

Piu sicurezza per la tua casa:

Potete farlo da soli o con l’aiuto di un esperto. Dagli interventi sugli infissi all’installazione dei sistemi d’allarme, ecco una lista di consigli da seguire .

SERRATURA E INFISSI
La prima cosa da fare è rendere sicure porte e finestre. Per le porte scegliete modelli blindati. Se avete una serratura datata, andrebbe fatta controllare da uno specialista. La vecchia doppia mappa, poco affidabile, può essere sostituita con modello a cilindro europeo (o simili) e spioncino. Per le finestre, invece, controllate che siano anche antisfondamento e usate l’ulteriore precauzione delle inferriate.

ANTIFURTO
Installate un sistema di allarme. Ne esistono di diversi tipi: dai più complessi a quelli semplici (come i kit a batteria da applicare sugli infissi), con diverse fasce di prezzo e con la possibilità di collegarsi o meno con le forze dell’ordine.

FUORI CASA
Un altro accorgimento per scoraggiare un ladro a entrare nella propria abitazione è fargli credere di poter essere visto e identificato. Per far ciò non è necessario acquistare una reale videocamera. Sul web ce ne sono di finte a pochi euro.

DENTRO CASA
Altro modo per tenere lontani i malintenzionati è dar loro l’idea che qualcuno sia in casa. Come? Esistono molti dispositivi che possono far sembrare che sia proprio così: dalle lampadine che si spengono e si accendono in autonomia, alle luci che simulano gli effetti di un televisore acceso.

VICINATO
Un buon rapporto con i vicini è ciò che consigliano anche le forze dell’ordine. In queste occasioni la loro presenza è fondamentale: possono avvertire rumori sospetti durante la nostra assenza, ma anche far sembrare dall’esterno che sia presente qualcuno in casa (esempio ritirando la posta o annaffiando le piante).

DOMOTICA
Chi in casa possiede un sistema di domotica è un passo avanti rispetto agli altri. La smart home è destinata a essere la casa del futuro. Una casa connessa con noi anche quando siamo lontani è una casa più sicura perché si può “accendere” o “spegnere”, “chiudere” o “aprire”, a distanza. Da un unica centralina può essere controllato e azionato l’interno e l’esterno facile controllare le chiamate, aprire il cancello, attivare la telecamera o azionare le luci in giardino.

www.serratureblindatebrescia.it